Progetti

La rivitalizzazione produttiva del Podere e ed il restauro architettonico dei suoi edifici è il filone progettuale su cui si concentrano le maggiori energie dell’azienda.

La sistemazione della villa e dei suoi annessi si è rivelata una impresa di enorme impegno, non solo in termini finanziari ma anche di coinvolgimento personale. Infatti l’adozione di criteri di restauro filologico richiede alla committenza grande attenzione critica, una forte attività di ricerca, ed una costante presenza in cantiere.

Alberto ha intrapreso questa sfida senza compromessi, come è nella sua indole, trovando un equilibrio tra la salvaguardia della originalità dell’edificio ed il suo ammodernamento funzionale.. I lavori condotti a partire dall’anno 2000 hanno portato all’ultimazione della podesteria, risultato che permette a Podere Pradarolo di ampliare la propria offerta sul versante dell’ospitalità di charme. 

 

I Progetti a Podere Pradarolo

 

Futuri investimenti saranno dedicati alla creazione di una struttura per la presentazione dei prodotti e per  iniziative di formazione e di animazione enogastronomica.

Dal punto di vista vitivinicolo, oltre all’ampliamento della cantina e la messa in produzione di nuovi vigneti, ricordiamo le seguenti iniziative:

  • l’affinamento della produzione del metodo classico a lunga macerazione di malvasia
  • il recupero del vitigno autoctono “malvasia di Parma” e la relativa vinificazione
  • l’affinamento ed il consolidamento della tecnica di produzione di Termarina in botte scolma “metodo solera”
  • l’eliminazione dei trattamenti a base di rame e zolfo in collaborazione con Vinnatur, Associazione Viticoltori Naturali.

Lo sviluppo di nuovi prodotti è un fattore strategico per Podere Pradarolo.

 Alberto Carretti è anche attivo nella proposizione di progetti di sviluppo territoriale incentrati sulla salvaguardia e sullo studio di specie vegetazionali antiche ed autoctone.